IL MIO ROMANZO...

19 luglio 2012

CAPITOLO 3


CAPITOLO 3
Dall'altra parte
  • Controllo della mente? - Elisabeth avrebbe riso, se solo si fosse ricordata come si faceva. - Credevi fosse così facile?
  • Io... - Roby si sentì uno stupido. - Non so cosa credere. Non so che fare.
    Cercò di distogliere lo sguardo da lei, ma era difficile guardare in un'altra direzione, quando intorno a te c'era solo il nulla.
    Non aveva mai visto quel posto, ma Roby avrebbe detto di trovarsi in un tramonto sul mare: il pavimento sotto i loro piedi si infrangeva come fosse fatto di acqua; a ogni passo piccoli cerchi concentrici si formavano sotto i piedi nudi. Intorno a loro una distesa infinita di giallo e oro, di rosso e di violetto.
Sospirò. Elisabeth fece qualche passo verso di lui, il lungo abito bianco che scivolava sul pavimento d'argento.
  • Lei sente che siete uguali. E' attratta da te e allo stesso tempo è spaventata. Gli umani non hanno mai avuto effetto su di lei, ma con te è diverso. - Il suo sguardo era triste ora. - Tu devi farla innamorare.
  • Ma io non so come si fa! E lei mi sta evitando. - la sua voce traspariva rabbia e rancore. Perché avevano scelto lui?
  • Non decidiamo il nostro destino.
    Elisabeth rimase in silenzio per un attimo. Era colpa sua. Fanny e Roby stavano pagando per i suoi errori: tutte le sofferenze di sua figlia, erano opera sua.
    Si voltò dall'altra parte, e Roby la sentì inspirare profondamente. - Darai una festa. - annunciò improvvisamente. Lui la guardò con aria interrogativa - Le accadrà qualcosa di terribile. - Elisabeth strinse i pugni e deglutì rumorosamente, come a ricacciare indietro le lacrime. - Non devi mai perderla di vista. Quello sarà il tuo momento.
    Roby si raddrizzò nelle spalle, improvvisamente teso. - Come fai a sapere quello che le accadrà?
    Elisabeth lo guardò negli occhi. Sul suo viso non c'era più traccia di tristezza, come se, in quegli ultimi anni, avesse imparato ad azzerare i suoi sentimenti. - Perché Loro mi ordineranno di farlo succedere.
Roby sentì la fronte imperlarsi di sudore. Guardò la donna di fronte a lui: quel viso che un tempo gli era apparso così perfetto, ora rovinato dal dolore. Provò a immaginare a quale sofferenza doveva essere, venire costretti a causare del male alla propria figlia.
Avvertirono nello stesso istante un suono di passi provenire in lontananza.
Elisabeth si guardò intorno. - Devo andare. Fai quello che devi. - Poi sparì nel nulla.




  • Ancora non so come ho fatto a farmi convincere. - Fanny montò in macchina con espressione corrucciata.
  • Credo di avere un qualche potere magico, davvero. - Giada ingranò la prima facendole l'occhiolino.
    Fanny sbuffò appoggiandosi all'indietro sul sedile.
  • E comunque non voglio prendermi tutto il merito. - Svoltò a destra e imboccò la superstrada che portava fuori città. - Non credo di essere stata io a convincerti.
    Fanny alzò un sopracciglio, voltandosi verso di lei.
  • Credo che abbia influito molto una motivazione terribilmente sexy dai capelli biondi e gli occhi blu. - Giada le sorrise allusiva.
  • I suoi occhi sono viola. - si appoggiò al finestrino sovrappensiero.
    Giada non distolse lo sguardo dalla strada, ma Fanny notò lo stupore nella sua voce.
  • Viola? Come Elizabeth Taylor?
    Fanny rise. - Già. - mormorò.
Giada era un'appassionata di cinema e usava spesso film e personaggi famosi come termine di paragone per la vita reale.
La festa si teneva in un loft appena fuori città: la musica era assordante già dall'esterno.
La strada sterrata tutt'intorno all'edificio brulicava di auto parcheggiate e ragazzi già ubriachi; la festa era già in pieno fermento.
Fanny e Giada si accodarono ai ragazzi che si dirigevano verso l'entrata.
L'interno era un gigantesco stanzone privo di arredamento, salvo che per un paio di divanetti su un lato della parete e un lungo tavolo d'acciaio carico di ogni tipo di alcolico in commercio. Dalle casse giungevano ad un volume altissimo le note di “My Kind of Love”.
  • Ben arrivate! - Marco si materializzò accanto a Giada, cingendole il fianco con un braccio e baciandola dolcemente.
    Fanny distolse lo sguardo e notò Leo che gli veniva incontro.
  • Ti devo dieci euro. - urlò in direzione di Giada quando fu abbastanza vicino da farsi sentire.
    Lei sorrise soddisfatta mentre Fanny gli volgeva uno sguardo interrogativo.
  • Abbiamo scommesso che non sarebbe riuscita a portarti qui stasera. - mormorò lui a mo' di risposta.
    Lei lo guadò torva. Leo allargò le braccia in direzione dei ragazzi che smaniavano a tempo di musica. - Andiamo, Fanny. Quando è stata l'ultima volta che hai partecipato ad una festa del genere?
    Mai successo” - mormorò una vocina dentro di lei.
    Leo gettò il bicchiere da cui stava bevendo in un bidone traboccante di bottiglie vuote lì accanto e la prese per mano.
  • Dove andiamo? - chiese lei lasciandosi trascinare verso il centro della stanza.
  • A divertirci!


Roby si stava stappando una bottiglia di birra quando aveva avvertito la presenza di Fanny nel loft. Alzò lo sguardo verso l'entrata e la vide dirigersi verso il tavolo delle bibite insieme a Giada. Sembrava spaesata, mentre si guardava intorno infastidita dalla musica troppo alta.
Dio quanto somigliava a Elisabeth: I riccioli biondi le ricadevano soffici sulle spalle scoperte, le gambe lunghe avvolte da una sexy minigonna dorata. Lo stesso colore dei suoi occhi.
Fece per muoversi nella sua direzione, quando avvertì una sensazione di gelo alle sue spalle.
  • Lilim. - mormorò, senza voltarsi. - E' un piacere vedere che ogni tanto ti concedi una pausa dal lavoro.
    Nonostante il rumore avvertì chiaramente la sua risata cristallina. Rabbrividì.
  • A cosa dobbiamo l'onore della tua piacevole compagnia? - chiese ironico enfatizzando la parola.
Il demone scrutò la folla dall'altra parte della stanza. - Sto solo controllando che Elisabeth svolga bene il suo compito.


Un paio d'ore dopo, Fanny si stava ancora dimenando tra la folla insieme a Leo e – non l'avrebbe mai detto – si stava davvero divertendo. Aveva già buttato giù un paio di bicchieri di una bibita di colore azzurro che non era riuscita ad identificare, quando Giada la raggiunse con quelli che sembravano due margarita.
  • Ti ci voleva proprio un po' di sano divertimento. - esclamò l'amica porgendole il bicchiere.
Sembrava ubriaca; il sorriso ebete stampato sulla faccia mentre si dondolava sulle gambe malferme.
Davvero dava l'impressione di una che non si sapeva divertire?, si chiese Fanny.
Afferrò il bicchiere e lo mandò giù tutto d'un fiato.
Bè, quella sera sarebbe stato diverso.
Giada si avvicinò al suo orecchio. - Ti dispiace se io e Marco andiamo a casa? - la guardò allusiva.
  • Ti riporto a casa io. - intervenne Leo.
Fanny annuì. - Sei sicura di stare bene? - le chiese preoccupata.
  • Mai stata meglio! - la rassicurò lei.
Leo le prese il bicchiere vuoto dalle mani. - Vado a fare il pieno!
Rimasta sola, Fanny si spostò in un angolo, lontano dalla pista da ballo.
  • Ti stai divertendo?
    Sembrava che il suo divertimento quella sera fosse una questione di vitale importanza.
Si voltò e si ritrovò di fronte a Roby. Il cuore le si fermò per un attimo. Dio quanto era bello in jeans e camicia, con i capelli spettinati e gli occhi che brillavano sotto le luci stroboscopiche.
Annuì, incapace di proferire parola.
  • I tuoi amici? - chiese, notando che era sola.
  • Giada se ne è appena andata. E Leo è andato a prendere da bere.
  • Non credi di avere bevuto abbastanza?
Fanny tornò improvvisamente in sé. Chi credeva di essere? Suo padre?
  • Credo che quando vorrò il tuo parere, te lo chiederò. - rispose gelida, poi lo piantò in asso e si allontanò.
    Roby rise tra sé. Bel caratterino. Davvero un bel caratterino.


Fanny stava per raggiungere Leo, quando si sentì le gambe cedere. La nausea arrivò improvvisa. Si portò una mano allo stomaco e corse verso il bagno sperando di trovarlo libero.
Spalancò la porta e si chinò sul water scossa dai conati.
Fine del divertimento”, pensò.
Ancora piegata in due inspirò e trattenne il fiato, poi espirò con forza.
Si rialzò e si diresse verso il lavandino. Fece scorrere l'acqua fredda e ci passò sotto i polsi. Mentre si lavava il viso e la bocca, sentì la porta aprirsi alle sue spalle. Alzò lo sguardo e vide Leo alle sue spalle.
  • Stai bene? - le chiese preoccupato. Teneva in mano un bicchiere.
  • Ora un po' meglio, ma davvero non credo che riuscirò a bere qualcos'altro.
Leo si avvicinò a lei e le scostò un paio di ciocche di capelli che le si erano appiccicate sulla fronte. Fanny rimase immobile. Lui le fece scivolare la mano sul viso.
Cosa cavolo stava facendo!
  • Sei così bella. - sussurò.
    Con un gesto improvviso la sollevò da terra e la mise a sedere sul ripiano del lavandino.
  • Leo... - gli poggiò le mani sul petto e dolcemente tentò di spingerlo via.- Non so cosa ti sia preso, ma davvero non credo che...
  • Rilassati e lasciami fare. - mormorò lui in tutta risposta, mentre le sue mani iniziavano a farsi strada lungo i fianchi.
  • Leo smettila! - Urlò stavolta, spingendolo via con forza. Per poco lui non scivolò sul pavimento bagnato
  • Cosa cazzo ti prende! - le urlò contro.
  • Cosa cazzo prende a me!
Non riusciva a credere che quella fosse la stessa persona che aveva frequentato in quegli ultimi mesi.
  • Ti prego, Leo. Sei ubriaco. - Fanny fece per scendere dal ripiano, sforzandosi di rimanere calma. Dove uscire di lì.
  • Sto benissimo. - rispose lui riavvicinandosi. - E se mi lasci fare, tra un istante starai meglio anche tu.
    La afferrò e la spinse contro lo specchio. Fanny avvertì la superfice gelida contro la schiena nuda, mentre lui le bloccava i polsi e si avvicinava alla sua bocca.
  • Ti prego, no! - lo supplicò, voltando la testa di lato. - Non voglio...
    La porta cigolò e qualcuno irruppe nella stanza. Leo non fece neanche in tempo a lasciarla andare, che Roby era già alle sue spalle. Lo afferrò e lo scaraventò sul pavimento.
  • Cosa diavolo stai facendo! - urlò.
  • E tu di che ti impicci, stronzo! - Leo tentò di rialzarsi, ma Roby si avventò su di lui e gli tirò un pugno, dritto sul naso.
Leo e Fanny si coprirono il viso con le mani nello stesso istante. Fanny per lo shock, Leo per cercare di tamponare il sangue che iniziava a colare copioso sulla bocca e sulla maglietta.
Senza dire una parola, Roby si avvicinò a lei. Le mise una mano sotto l'incavo delle ginocchia e l'altra introno alla schiena e la portò in braccio fuori dal bagno, augurandosi che Leo non fosse così stupido da seguirli.
Fanny si aggrappò al suo collo incapace di parlare.
Mentre si dirigevano fuori dallo stanzone, qualche ragazzo si voltò a guardarli, ma lui marciò senza curarsi di nessuno.
Fanny notò la splendida donna mora vestita di rosso proprio accanto all'uscita.
  • Troppo presto. - mormorò con voce atona.
    Roby le rivolse un'occhiataccia.
    Cosa diavolo voleva dire?”, pensò lei, ma subito rinunciò a formulare qualunque tipo di ipotesi.
    La pareva che la testa stesse per scoppiarle.
  • Dove la tua auto? - chiese lui dolcemente, anche se il suo sguardo era gelido.
Fanny scrollò la testa. Grosso errore. Il martello pneumatico dentro il suo cervello si fece più intenso.
Roby imprecò, poi si diresse verso la sua Audi parcheggiata poco distante.
La adagiò dolcemente su sedile del passeggero, poi prese posto accanto a lei.
Mise in moto e abbassò i finestrini prima di partire.
  • Ti farà bene un po' d'aria
    Fanny avrebbe voluto ringraziarlo, ma dalla sua bocca uscì solo un rantolo soffocato.
  • Non preoccuparti, ti porto a casa.
Ingranò la prima e partì sgommando sulla strada acciottolata lasciandosi una nube di polvere dietro di loro.

4 commenti:

  1. Qnd continuiiii??????????? please presto *okkioni da cucciolo*

    RispondiElimina
  2. Ciao girivagando su internet ho trovato questa storia e dvo dire che è davvero stupenda se la continui facci sapere un bacio

    RispondiElimina
  3. Ciao Paola, anche io ho trovato questa storia per caso, e devo dire che è carina, scritta abbastanza bene, comunque riesce a coinvolgere, quindi brava, continua così.

    RispondiElimina
  4. ciao paola questa storia è fantastica !!!! Quando continui???

    RispondiElimina